-->

domenica 22 giugno 2014

Burro d'arachidi superfacile e supersano

 Il burro d'arachidi, o crema d'arachidi, è tipico della cucina statunitense e, lasciatemelo dire, è buo-nis-si-mo!
Ha anche numerose proprietà nutrizionali e fa bene alla salute.
Io l'ho scoperto da quando ho eliminato molti prodotti di origine animale e ho introdotto nella mia dieta molta più frutta secca (no, i grassi buoni non fanno ingrassare ;) ).



È ottimo sul pane o sulle fette biscottate con della marmellata (sembra di mangiare pane burro e marmellata!), sulla frutta fresca (spalmato su fettine di mela per uno snack sano e completp) e al posto della Nutella ma si usa anche nei dolci da forno e nei piatti salati, nei panini ad esempio o su pasta e cereali.


Si trova già pronto al supermercato ma non è economicissimo e, se lo è, è perché vi sono state aggiunte proteine del latte o quei "grassi vegetali non idrogenati" che fanno tanto male a noi e all'ambiente (per esempio olii di semi o il temibile ed ormai diffusissimo olio di palma).
Un altro motivo per cui non vale la pena comprarlo è che si può fare in casa ed è facilissimo!

Ingredienti
- 200 g arachidi non salate - possibilmente non tostate
- 1 cucchiaio d'olio d'oliva (opzionale)
- 2-3 o più cucchiai d'acqua o olio per frullare meglio

Sgusciate e pelate le arachidi (è molto difficile trovarle non salate già sgusciate);
mettetele in un mixer e polverizzatele. Poi aggiungete tutti gli altri ingredienti, frullate ancora finché non ottenete una consistenza cremosa (se necessario aggiungete acqua un poco alla volta).

Se lo consumate sul pane senza marmellata potete anche dolcificarlo con un cucchiaino di malto o zucchero di canna integrale o datteri.

Trasferite il tutto in un vasetto di vetro ermetico et voilà!

Si conserva in frigorifero per 10 giorni se mettete l' acqua. Se x frullare invece usate solo olio dura molto di piú (ma non durerà così a lungo fidatevi!).

images from: http://simpleveganblog.com

1 commento:

  1. da provare, adoro il burro di arachidi, lo conosco dagli anni 70 quando andai a vivere negli USA. per me era il confort food quando non stavo bene....

    RispondiElimina